<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d6432744\x26blogName\x3dANTES+DE+TEMPO\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dpt_PT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/\x26vt\x3d685797521404101269', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

terça-feira, 8 de janeiro de 2008

 
I segreti (IX)



Di strumenti ottici artificiali

Ma veramente meravigliose e straordinarie sono le disposizioni fisiche dei raggi. Si possono disporre lenti e specchi in modo tale che una sola cosa sembri molte e un solo uomo un esercito e appaiano tanti Soli e tante Lune quanti vogliamo. La natura talvolta dispose i vapori così che apparvero nell'aria due Soli e due Lune e talvolta tre Soli contemporaneamente, come Plinio afferma nel secondo libro della Storia Naturale. Una sola cosa può apparire come molte e infinite, perchè, dopo che sorpassa la sua facoltà non le è determinata alcuna misura, come Aristotele insegna nel capitolo del Vuoto. E così ad ogni città un esercito può provocare terrori tanto grandi, da far perdere ai cittadini ogni speranza o per la moltitudine delle apparizioni di stelle, o di uomini riuniti in assalto contro le mura, specialmente se si abbia un indizio seguente a quel primo. Infatti si possono disporre lenti in modo tale che cosa lontanissime appaiono vicinissime, e viceversa, così che da distanza incredibile si possono leggere lettere microscopiche e si possano contare oggetti anche molto piccoli, e appaiano stelle dove ci piaccia. Si crede appunto che così Giulio Cesare, stando sulla riva del mare nelle Gallie, abbia colto con grandi specchi la disposizione e l'ubicazione degli accampamenti e delle città della Britannia maggiore. Si possono anche disporre i corpi in modo che i molto grossi appaiono molto piccoli e viceversa, gli alti bassi e profondi, e viceversa, e le cose occulte manifeste.


Frate Roger Bacon in I Segreti dell'Arte e della Natura e Confutazione della Magia, Capitolo V, Edizione di 1622.



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?