<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d6432744\x26blogName\x3dANTES+DE+TEMPO\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dpt_PT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/\x26vt\x3d685797521404101269', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

terça-feira, 15 de janeiro de 2008

 
I segreti (XI)



Esperimenti mirabili

Di questi, alcuni sono senza una particolare disposizione, e infatti possiamo comporre artificialmente dal sale della pietra e da altre sostanze un fuoco che brucia a qualsivoglia distanza. Parimenti dell'olio petroleo e da altre sostanze. Parimenti dalla calce, dalla nafta e simili. Plinio dice nel secondo libro (capitolo 104) che con un artificio di questo genere una città si difese dall'esercito romano: la calce, lanciata, bruciò il soldato armato. Affine a queste cose è il fuoco greco, e molti altri comburenti. Si possono inoltre fare luci perpetue e bagni ardenti senza interruzione. Conosciamo infatti molte cose che non si consumano nelle fiamme, come la pelle della Slamandra, il talco e simili: unite a qualche diverso elemento si infiammano e rilucono, ma non si bruciano, al contrario anzi si purificano. Ma oltre a queste cose ve ne sono altre tali da far stupire la natura. Infatti possono esser fatti nell'aria suoni come tuoni, e lampi anzi più orridi dei tuoni e dei lampi naturali. Poca materia infatti, non più grande di un pollice, applicata debitamente, fa un suono orribile e produce un violento balenio. E questo si può fare in molti modi e si può distruggere una città oppure un esercito, come quando Gedeone, col fuoco che si sprigionava con inestimabile fragore da piccole bottiglie rotte e lampade, distrusse con solo trecento uomini l'infinito esercito dei Madianiti.


Frate Roger Bacon in I Segreti dell'Arte e della Natura e Confutazione della Magia, Capitolo VI, Edizione di 1622.



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?