<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d6432744\x26blogName\x3dANTES+DE+TEMPO\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dpt_PT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/\x26vt\x3d685797521404101269', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

sábado, 8 de março de 2008

 
I segreti (XVI)



Dell'occultare i segreti della natura e dell'arte

Ho enumerati alcuni esempi intorno al potere della natura e dell'arte, affinchè da poche cose ne raccogliamo molte, dalle parti il tutto, dai particolari gli universali e si veda che non è necessario per noi aspirare alla magia, essendo sufficienti l'arte e la natura. Ora voglio trattare con ordine le singole cose ed enumerarne le cause e il modo in particolare. Ma rifletto che non si affidano i segreti (della natura) alla pelle delle capre e delle pecore, così che possano essere conosciuti da chiunque, come raccomandarono Socrate e Aristotele. Questi dice nei Segreti dei Segreti che spezzerebbe il sigillo celeste chi comunicasse i segreti della natura e dell'arte, aggiungendo che molti mali cadono su colui che scopre le cose occulte e rivela le arcane. Del resto in questo caso Aulo Gellio, nel libro delle Notti Attiche, dice che è stolto offrire lattughe a un asino quando gli bastano cardi. E nel libro delle pietre è scritto che diminuisce la maestà delle cose mistiche chi li divulga, nè restano segrete quelle cose di cui la folla è consapevole. Dalla divulgazione infatti risulta evidente che il volgo viene a prendere una posizione contraria a quella dei sapienti. Infatti ciò che pare a tutti, e ai sapienti, specialmente ai maggiori fra essi, è vero. Dunque ciò che sembra invece soltanto alla maggioranza, al vogo in quanto tale, necessariamente è falso. Parlo del volgo che in questa distinzione si contrappone ai sapienti. Infatti nelle idee generali il popolo concorda con i sapienti, ma nei principi e nelle conclusioni delle arti e della scienze discorda da loro, affaticandosi con sottigliezze e sofismi intorno alle apparenze, di cui i sapienti non si curano.


Frate Roger Bacon in I Segreti dell'Arte e della Natura e Confutazione della Magia, Capitolo VIII, Edizione di 1622.



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?