<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d6432744\x26blogName\x3dANTES+DE+TEMPO\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dpt_PT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://antesdetempo.blogspot.com/\x26vt\x3d685797521404101269', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

quarta-feira, 19 de março de 2008

 
I segreti (XVII)



Dell'occultare i segreti della natura e dell'arte

Dunque anche nei segreti propri il volgo erra e così si distingue dai sapienti, ma per le idee generali sta nella legge di tutti e concorda con i sapienti. Le cose comuni però sono di poco valore e non interessano per se stesse, ma per i loro particolari e le loro caratteristiche. Il motivo di tenere occulte al volgo le cose segrete fu presso tutti i sapienti il fatto che il volgo deride coloro che sanno e transcura i segreti della sapienza e non sa usare di cose altissime, e se alcunchè di magnifico viene per caso a sua conoscenza, lo perverte e ne abusa in danno molteplice e delle singole persone e della comunità. E perciò insano è colui che scrive alcunchè di segreto, a meno che non lo scriva in modo che sia celato al volgo e possa solo a gran pena esser compreso dai sapienti e da quelli più desiderosi di conoscenza. Così tutta la moltitudine dei sapienti si comportò fin dal principio e in molti modi essi tennero occulti al volgo i segreti della sapienza. Alcuni infatti nascosero molte cose per mezzo di segni strani, di formule magiche, altri con disegni ed enigmatiche parole, come dice Aristotele nel libro dei Segreti: "O Alessandro, voglio rivelarti il sommo segreto, e la potenza divina ti aiuti a tener celato il mistero e ad attuare il mio detto. Prendi dunque la pietra che non è pietra ed è in qualsiasi luogo ed in qualsivoglia tempo" — e si intendono l'uovo dei filosofi e il suo termine.


Frate Roger Bacon in I Segreti dell'Arte e della Natura e Confutazione della Magia, Capitolo VIII, Edizione di 1622.



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?